Notizie

Svizzera per introdurre la nuova licenza bancaria per Fintech Startups

La regolazione è sempre una lama a doppio taglio. Da un lato, le linee guida possono aiutare a legalizzare nuove valute e strumenti finanziari. Allo stesso tempo, queste regole possono stroncare l'innovazione sul nascere in una fase molto precoce. La Svizzera vuole alleggerire il regolamento fintech, che è un'ottima notizia per l'attività dei Bitcoin nel Paese.

Il governo svizzero ha proposto nuove regole per incoraggiare le startup fintech nel paese. Allentando queste linee guida normative, i fornitori di tecnologie e servizi finanziari dovrebbero avere più tempo a competere tra loro. In cambio, questo panorama competitivo andrà a beneficio del consumatore svizzero, che è della massima importanza.

A Major Fintech Push By The Swiss Government

Analogamente ad altri paesi, la Svizzera non ha reso la vita facile per le startup fintech. Non che ci siano ostacoli significativi da superare, ma essere pienamente conformi rimane un compito scoraggiante. Riducendo le barriere all'entrata, il Consiglio federale svizzero vuole stimolare l'innovazione e migliorare la dinamica della finanza domestica.

Anche se la bozza di questi nuovi regolamenti deve ancora essere creata, il governo spera che possano scuotere il settore bancario svizzero. Il paese voleva essere tra i leader dell'innovazione fintech. Raggiungere questo obiettivo significa che il governo deve promuovere e alimentare i fornitori di servizi finanziari emergenti.

Tra le modifiche proposte vi è un termine di 60 giorni per la detenzione di denaro nei conti di regolamento. Questo cambiamento riguarderà principalmente le startup che si rivolgono al crowdfunding. Al momento, i donatori possono prelevare fondi dopo soli sette giorni. Un periodo di 60 giorni sembra più appropriato per questi tipi di transazioni commerciali.

Ma forse il più grande cambiamento proposto è l'introduzione di una nuova licenza bancaria. Le startup Fintech che offrono servizi di deposito possono richiedere questo permesso, che è molto più facile da ottenere rispetto alla sua controparte tradizionale. È probabile che gli scambi di Bitcoin dovranno prestare molta attenzione a questa nuova licenza bancaria andando avanti. Le aziende che non offrono servizi di prestito rientreranno in questa nuova categoria a partire dal prossimo anno, per l'aspetto delle cose.

Questa notizia arriva in un momento emozionante per Bitcoin in Svizzera. Con il cantone di Zugo che accetta pagamenti in Bitcoin per i servizi pubblici, le cose sembrano piuttosto positive. Inoltre, diversi chioschi di biglietteria del paese offriranno anche opzioni di acquisto di Bitcoin. La Svizzera è sulla strada per abbracciare Bitcoin e Fintech nei prossimi anni.

Immagine intestazione per gentile concessione di Shutterstock