Notizie

Principe Alwaleed: Bitcoin è "Enron in the Making"

In una dichiarazione che avrà senza dubbio molti lettori che pronunceranno "bene, duh", l'uomo d'affari saudita e il miliardario Prince Alwaleed ha uscire con scetticismo su Bitcoin. Parlando al "Squawk Box" della CNBC, il nipote del primo re saudita ha dichiarato quanto segue:

Non ha senso. Questa cosa non è regolamentata, non è sotto controllo, non è sotto controllo.

Almeno l'investitore del Medio Oriente è stato franco sulle sue obiezioni alla criptovaluta. A differenza della vaga, insensata calunnia del collega miliardario e amministratore delegato di JP Morgan Chase Jamie Dimon, Alwaleed non ha fatto mistero del fatto che è la natura anarchica e decentralizzata del Bitcoin con la quale egli in particolare mette in discussione. Non si tratta di notizie che provengono da un investitore con legami con uno dei regimi più autoritari del pianeta.

Il Principe ha continuato a paragonare il crollo di criptovaluta in sospeso, che vede inevitabile, a quello di Enron - un paragone del tutto irrilevante che coinvolge una massa di attività fraudolente che fa precipitare un'impresa in bancarotta:

Io non credo in questa cosa bitcoin. Penso che stia per implodere un giorno. Penso che questo sia Enron in formazione.

Tuttavia, Bitcoin non è né una società, né è legato ad una singola entità legale. Certo, la frode può essere commessa usando qualsiasi valuta, ma è riduzionista usarla come motivo per denunciarla. Fortunatamente, una voce più amichevole è stata subito disponibile per offrire una confutazione alle parole sbagliate di Alwaleed.

Solo poche ore dopo, Brian Kelly, fondatore di BK Capital Management, ha colpito il miliardario saudita con alcune verità a casa tramite un'intervista telefonica sullo spettacolo "Fast Money" della CNBC. Ha immediatamente affermato che il principe ha "un fondamentale fraintendimento su cosa sia Bitcoin. "

Kelly ha confutato Alwaleed, affermando una mancanza di conoscenza del protocollo come motivatore per la sua posizione. Il gestore degli investimenti ha riassunto Bitcoin come un pezzo di software finanziario in grado di rimuovere gli intermediari dalle transazioni - niente di più, niente di meno. Naturalmente, come ha continuato, le ramificazioni politiche di una tecnologia così innovativa sono grandiose.

Il sistema finanziario che abbiamo ora è costruito con un intermediario. Non appena riesci a sfondare ciò, puoi iniziare a capire che questa è una tecnologia rivoluzionaria di cambiamenti fondamentali nel modo in cui mandiamo denaro in tutto il mondo ... Ci sarà un gettone che risiede su una blockchain che ci permette di inviare valore oltre Internet senza un intermediario ... È qualcosa su cui voglio essere investito.

Immagine: BusinessInsider